Le tecnologie digitali sono fattori chiave per l’innovazione, la crescita e la creazione di posti di lavoro. Quasi il 90% dei posti di lavoro nell’UE richiede almeno un certo livello di competenze digitali, pertanto tali competenze sono sempre più legate alla partecipazione al mercato del lavoro. La competenza digitale non riguarda solo la familiarità con le tecnologie digitali, ma anche il modo in cui vengono utilizzate le nuove tecnologie e i media online.

Nonostante il significativo aumento dell’uso delle TIC e dei social media da parte di adulti poco qualificati, questo gruppo target dimostra un basso livello di consapevolezza e comprensione delle ampie implicazioni che le loro attività online possono avere sulla loro vita sociale e professionale. Va da sé che gli adulti sopra i 45 anni poco qualificati hanno bisogno di sviluppare e aggiornare la loro alfabetizzazione mediatica e le competenze digitali per l’uso efficace dei social media in un modo che possa generare maggiori opportunità per loro a livello sociale e professionale.

MedLit45 + target:

– Adulti disoccupati poco qualificati sopra i 45 anni in Romania, Grecia, Portogallo, Spagna e Italia.

– Consulenti del lavoro / carriera e / o autorità competenti, organizzazioni e aziende che lavorano con disoccupati poco qualificati (ad es. PES, reclutatori).

I suoi principali obiettivi:

– Sviluppare le competenze digitali / media degli adulti disoccupati con scarse qualifiche sopra i 45 anni attraverso strumenti innovativi in ​​modo che siano motivati ​​e in grado di costruire una solida identità professionale online per rafforzare il loro accesso all’occupazione, portando all’inclusione sociale ed economica.

– Migliorare la conoscenza dei consulenti del lavoro / carriera e / o delle autorità competenti, organizzazioni e aziende che lavorano con disoccupati poco qualificati o con qualifiche basse e dotarli di un nuovo approccio e strumenti per sostenere e interagire con disoccupati di mezza età attraverso i social media.

Il valore aggiunto dell’attuazione del progetto a livello UE è che contribuirà alla creazione e alla diffusione di un quadro comune (e facilmente adattabile e trasferibile) e di una piattaforma di risorse online che affronti una sfida a livello dell’Unione (e ancora di più in Romania, Grecia, Portogallo, Spagna che Italia sono tra i paesi con i più bassi livelli di competenze digitali).

Contribuirà inoltre all’ulteriore attuazione della nuova Agenda delle Competenze per l’Europa.